Yoga pratico, per superare i tuoi limiti devi prima conoscerli.

Capita spesso di sentire nelle classi di Yoga, o più in generale nella vita, la frase: “voglio superare i miei limiti”, sembra diventato il vero mantra del XXI secolo, una continua rincorsa al “super”. Partiamo da un presupposto, spesso sono i nostri limiti ad identificare la nostra natura, infatti sono proprio i “limiti” a definire i nostri parametri esistenziali. Una vita senza limiti, sarebbe immortale e immorale, quindi filosoficamente e praticamente, non sarebbe una vita, essendo immortale, ma apparte questo assunto su cui bisognerebbe aprire un capitolo apparte, basta rimanere sulle cose semplici che tutti i giorni facciamo. Molto spesso pensiamo che il nostro limite sia superare una data barriera di tempo, di peso sollevato, di secondi stati in apnea, eppure stiamo facendo una cosa che ci piace, ci da gusto, ci sembra ci rappresenti. E’ evidente che facendo una cosa che è nella nostra comfort zone non stiamo superando nessun limite, eppure, siamo convinti di farlo. L’indulgere nelle cose che ci piacciono e portarle al parossismo Carlos Castaneda ci direbbe che è un atteggiamento morboso che non aggiunge niente al nostro percorso iniziatico, anzi, lo blocca. Nello Yoga si dice che attraverso la pratica costante (di tutto lo Yoga, non solo delle asana) si raggiungono dei “poteri”, siddi, come l’ubicuità  o l’invisibilità ad esempio, tuttavia gli yogin sono esortati a non indulgere in questi “poteri”, perchè semplicemente conseguenze dell’evoluzione dello Yogin che comunque mira alla liberazione, non certo ai poteri. Indulgere in questi siddi, quindi ci blocca, anche se camminassimo sulle acque, non avremmo raggiunto nulla di significativo per il nostro percorso esistenziale. Molto spesso anche incosapevolmente cadiamo in questo circolo vizioso di insistere, forzare (un’asana, una meditazione, un rapporto personale), convinti di superare un limite, mentre invece stiamo solo alimentando il limite stesso. Mi vengono in mente allievi che nelle classi di Yoga spingono le asana “sfidanti”  perchè magari particolarmente atletici, convinti di superare chissà quale limite, poi messi in shavasana (la posizione stesa a terra del cadavere) non riescno a stare immobili per più di 30 secondi, ovviamente non riconoscono un limite nel fatto di non riuscire a stare immobili e concentrati, perchè fissati sulla performance, il loro autentico limite. Spiegare a se stessi che il superare i propri limiti è mettersi in discussione e non indulgere in ciò che ci viene bene, è la vera sfida di qualsiasi percorso iniziatico, quale lo Yoga può essere. Se toccare qualcuno che non conosciamo ci mette a disagio, quella è una sfida da superare, anche semplicemente abbracciare uno sconosciuto può essere superare un limite, non fare meglio ciò che già si fa bene, o che sentiamo come “nostro”. Quando una cosa ci riesce, dovremmo andare verso la comprensione di ciò che ci manca, che ci completa, non indulgere in quel loop creato dal merito che noi stessi o l’ambiente intorno a noi ci ha dato. Ognuno di noi può essere qualsiasi cosa, basta non confondere ciò che siamo con ciò che facciamo.

Yoga come cura del nostro corpo (e della mente).

Spesso si fa l’errore di considerare necessaria una cura quando insorge una patologia. Invece il “prendersi cura” del proprio corpo presuppone l’esatto opposto, cioè raggiungere uno stato di equilibrio tale per cui la probabilità di insorgenza di patologie è ridotta al minimo quando siamo in stato non patologico. Lo Yoga è un sistema psico/fisico molto efficace nel prendersi cura del sistema corpo e mente, in particolare nei casi in cui “pensiamo” di stare invecchiando. Guardando gli anziani passeggiare al supermercato spesso mi rendo conto che quell’andatura claudicante, quella lentezza dei movimenti, quel “vedersi” vecchio, deriva spesso da patologia, ma non si fa mai un’analisi sulla derivazione di quella patologia: come è insorta? Quale è lo stile di vita? Quanto e che tipo di moto si svolge? In tanti casi sento dire “vado a camminare” (dove il presupposto è vado a camminare perchè sono oramai vecchio e attività troppo “competitive” non fanno per me), detto da persone di 50 o 60 anni. A queste età (e anche oltre) si può fare ancora tutto, a costo che non ci siano problemi di tipo medico (osteoporosi, problemi cardiaci gravi ecc…), allora le cose devono essere più monitorate, ma la malattia parte in primo luogo dal sentirsi malato. Tornando al supermercato l’altra osservazione che ogni volta faccio è quella del carrello di queste persone che “appaiono anziane”; purtroppo è evidente la scarsissima propensione ad essere attenti a ciò che si inserisce nel proprio corpo, questo si che è un motivo di malattia. Come dimostrato ormai da tantissimi studi e dalla vita comune di tanti, una corretta alimentazione (corretta non vuole dire: dieta dimagrante, integratori e cose simili, ma corretta per la tipologia di corpo della persona.. e ognuno è diverso) è necessaria a prendersi cura del nostro corpo e anche a curare patologie. Non solo per le persone “anziane”, ma si può dire la stessa cosa per sportivi, performer ed in generale chiunque utilizzi il corpo per vivere, quindi tutti. E’ evidente che bisogna rivolgersi a persone qualificate ed evitare formule fai da te, tuttavia, tante cose di buon senso possono essere fatte senza grandi sforzi (le solite cose: verdure di stagione, preferire prodotti biologici “veri”), ma soprattutto avere un approccio proattivo alla propria vita decidendo di prendersi cura di sè. Lo Yoga ci da moltissime formule, essendo una pratica pragmatica e non religiosa, praticare hatha Yoga è sempre una buona soluzione e anche in età avanzata si può tranquillamente praticare quello dinamico come l’ashtanga o il vinyasa, non ci sono limiti, se non quelli che ci imponiamo… sempre rispettando il nostro corpo ed i nostri tempi. L’integralismo, il volere la performance a tutti i costi è deletereo esattamente come non prendersi cura di sè stessi. Cerchiamo il flusso naturale della nostra vita facendo cose che possiamo fare (e possiamo fare cose che non ci aspettiamo), senza porci limiti, non quelle che siamo convinti che dobbiamo fare o che ci convinciamo non siamo in grado di fare.

Simone Faedi

Il giusto tempo nelle pratiche in Vinyasa come Ashtanga, troppo veloce o troppo lento?

Lo so… i post tecnici piacciono poco, ma ogni tanto hanno una loro utilità. Mi soffermo spesso sulla valutazione di come debba essere cadenzato il ritmo  una pratica, per ogni persona può essere soggettivamente diverso, ma esistono alcuni “standard”, non dettati da leggi senza senso scolpite sulla roccia del dogma, ma semplicemente logici. Parliamo di Vinyasa, quindi una pratica (sia essa vinyasa flow o Ashtanga Yoga) che ha di fondo una logica chiara, il movimento in stretta connessione col respiro, ma facciamo chiarezza su questo punto. Ho scritto un piccolo testo dove parlavo proprio della storia e da dove proviene il Vinyasa, questo fa parte dello Yoga lato nord dell’India (dove peraltro fa freddo) ed il “saluto al sole” è il perfetto prototipo del vinyasa, cioè ad ogni inspiro ed espiro corrisponde un’asana o un movimento preciso. Esistono vari sistemi di Hatha Yoga che hanno adottato questa tecnica, tra cui anche l’Ashtanga Yoga del Maestro Pattabi Jois, dove le asana in genere vengono tenute per un tempo breve (5 respiri) proprio per non interrompere il flusso (stessa cosa nel vinyasa Flow), rispetto all’Hatha “tradizionale” dove le asana vengono tenute  3-5 minuti (quindi con un principio di flusso totalmente diverso). A questo punto sorge il dubbio, ma quanto deve essere rapido o lento il movemento della pratica? Ci sono vari parametri che ci possono guidare, ma in particolare mi piace riferirmi a dati “oggettivi” trasmessimi da grandi Maestri che di questo tema ne hanno parlato, se non in testi editi, durante i Teacher training che ho svolto. In primo luogo mi voglio rifare ad una frase citatami dal Maestro Giuliano Vecchiè rispetto a una grandissima dell’Ashtanga Yoga: Nancy Gilgoff, che sosteneva che l’ashtanga è una pratica “draft”, cioè tecnicamente “sporca”, inquanto rapida (lo si vede nelle foto storiche di Krishnamacharia o Pattabi Jois, dove affrontano le asana in una maniera che oggi definiremmo “non allineata”, ma loro avevano dei concetti nella pratica che erano probabilmente “energetici”, più che funzionali), cosa che negli anni è stata mitigata da Maestri come Richard Freeman che sosteneva giustamente di fare “Ashtangar”, cioè di avere portato nella tecnica dell’Ashtanga gli allineamenti (o alcuni di essi) dell’Iyengar. Fatto sta che comunque nel Vinyasa, che sia flow o ashtanga, si da molta importanza al flusso proprio perchè la caratteristica della pratica è questa. Il Maestro Mark Darby è estremamente puntuale, ma vario, nel ritmo della pratica e utilizza varie tecniche di conteggio, una di queste addirittura pronunciando tutti i bijamantra dei chakra per scandire l’inspiro e l’espiro, trovando un timing eccezzionale (provato durante il suo stupendo Teacher Training). Una sua raccomandazione ricordo era di non stare troppo a sistemarsi nella posizione, perchè doveva essere dato ritmo al flusso, quindi, magari entrare come si riusciva e cercare di stare sul respiro… quindi come sosteneva la Gilgoff, entrare nel respiro senza indugiare in sistemazioni eccessive. David Swensonn a tutti questi dubbi ha dato una risposta pragmatica da americano quale è, la prima serie dell’Ashtanga deve essere terminata tutta, compresi saluti al sole, tutti i vinyasa, e chiusure in 1 ora e 20 o massimo in 1 ora e mezza. Chi ha fatto il suo Teacher Training (io l’ho fatto) è stato cronometrato nel conteggio dei saluti al sole (lo fa uno per uno per verificare come conti e se rispetti i tempi) e durante la conduzione della pratica (ti fermava e diceva: a questo punto dovete più o meno essere al navasana, se siete più avanti siete troppo veloci, se siete indietro troppo lenti). Tutto questo dimostra quanto nel vinyasa il giusto ritmo sia necessario per considerarlo appunto “Vinyasa”. Per ciò che riguarda l’Ashtanga esiste un metodo molto semplice di verifica, prendete il video di Pattabi Jois che guida la prima serie su Yotube.

Il video dura 1 ora e 18 minuti sigla iniziale e mantra compresi (circa 3 minuti), in quel caso il Maestro fa 3 saluti al sole A e 4 saluti al solo B, ma anche se ne avesse fatti 5 e 5 era perfettamente all’interno del range che abbiamo citato (se lo ha detto Swensonn, la regola gliel’ha data Pattabi Jois, lui è molto rigoroso) … e se non conta giusto lui, non so chi possa farlo. Io tendo ad essere piuttosto conservatore in queste cose, per cui, non mi prendo libertà e l’Ashtanga lo tengo col ritmo originale (cioè la prima serie si fa in 1.20 o 1.30 chiusure comprese), per cui quando facciamo una pratica dove arriviamo al navasana e magari non faccimo fare il vinyasa tra un gamba e l’altra ma solo tra un’asana e l’altra, dire che 1 ora è più che sufficiente, altrimenti stiamo facendo la sequenza delle asana dell’ashtanga, ma non Ashtanga Vinyasa Yoga. Un dettaglio, nel video che ho citato noterete che manca un’asana, il parivrtta parsvakonasana… alla faccia di quelli che la sequenza è scolpita sulle tavole della legge, il Maestro la sequenza nella sua storia l’ha variata alcune volte, con buona pace dei puristi dell’inviolabilità.. ma questa è un’altra storia.

Simone Faedi

Eventi Yoga in Novembre, modernyoga a Bologna, Porto Viro e Ferrara, Master class e Workshop con Simone Faedi

Il mese di Novembre sarà molto intenso per le attività di Modernyoga network legate allo Yoga. Si parte il Sabato 18 Novembre a orto Viro con un Workshop dedicato al Core e a Uddiyana Banda presso il Centro Sangat, potenza e stabilità quindi, si proseguirà il 25 Novembre a San Giovanni in Persiceto, con la scuola di Danza DM Ballet della Maestra Miriam Cassanelli per chiudere il giro il 3 di Dicembre con un lungo workshop dedicato tutto ai Chakra, alla loro comrensione  e soprattutto alla loro armonizzazione presso la modernyoga Shala di Ferrara. Le classi saranno tenuto da Simone Faedi.

per informazioni yoga@modernyoga.it   tel e whatsapp 3484088442